Comunicazione di servizio: il blog non è più attivo e aggiornato dal 28 marzo 2012

L'angolo dedicato ai libri del blog "Dentro al Replay"

martedì 24 maggio 2011

"Sfera" di Michael Crichton: impressioni a caldo

Michael Crichton - SFERA

A trecento metri di profondità, sul fondale del Pacifico, giace una misteriosa nave spaziale di dimensioni inaudite. Da dove è arrivata? Da una civiltà aliena? Da un altro universo? Dal futuro attraverso un buco nero? Per risolvere l'enigma viene chiamata un'equipe di scienziati, mentre il mare si popola improvvisamente di mostruose creature e sugli schermi dei computer appaiono inquietanti messaggi. Un'avventura ai confini della realtà in un thriller sottomarino in bilico tra scienza e mistero.

Titolo originale: Sphere (1987)
Casa Editrice Garzanti Libri (Collana Elefanti Bestseller)
Trad. di Ettore Capriolo
2009 - pp. 378 - € 9,90

«Una terrificante odissea sottomarina alla scoperta dei segreti del nostro inconscio.» The New York Review of Books

«Un avvincente romanzo di fantascienza che è anche un viaggio all’interno dell’uomo, delle sue paure e dei suoi desideri.» Newsweek

«A metà tra Jules Verne e 2001 Odissea nello spazio, un esplosivo e sconvolgente intreccio di thriller, horror e science-fiction.» Booklist


Leggere Crichton è ogni volta una scoperta; leggere Crichton è ogni volta un arricchimento del proprio sapere; leggere Crichton è ogni volta un viaggio straordinario; leggere Crichton è ogni volta "leggere un film".

Una scoperta perchè non sai mai cosa ti aspetta all'interno di un suo romanzo: un viaggio nel tempo, un incontro con gli elieni, una qualche nuova tecnologia che si ritorce contro chi l'ha scoperta, un misterioso virus... ce n'è per tutti i gusti!
Un arricchimento del proprio sapere: con i romanzi dello scrittore americano si impara sempre qualcosa di nuovo; tanto per fare un esempio, su "Sfera" si parla a lungo delle condizioni climatiche in ambienti posti a grosse profondità nell'oceano, ma senza annoiare il lettore ed inserendo le spiegazioni scientifiche all'interno della vicenda narrata.
Un viaggio straordinario: oceani lontanissimi, navi spaziali aliene (aliene?), viaggi nel tempo, mostri marini sconosciuti, ce n'è per tutti i gusti... ma tutto sorprendentemente "congruo" e per nulla esageratamente fantastico.
Leggere un film: è questa l'impressione che ho ogni volta leggo un romanzo di Crichton, non a caso numerosi suoi racconti hanno avuto una trasposizione cinematografica (e "Sfera" non ha fatto eccezione, con un cast stellare come Dustin Hoffman, Sharon Stone e Samuel L. Jackson, per un film non all'altezza del libro, purtroppo...)

Insomma, "Sfera" è un romanzo di fantascienza, ma anche un thriller mozzafiato oltre che un'avvincente discesa negli abissi del nostro inconscio: ne consiglio vivamente la lettura.
A tutti!


L’autore:
Michael Crichton (Chicago 1942 — Los Angeles 2008) era laureato in Medicina e Chirurgia, ma anzichè esercitare la professione medica aveva preferito scrivere. Iniziò a pubblicare romanzi sin dal 1966 con vari pseudonimi. È stato, in pratica, anche il creatore della celebre serie tv medica ER. I suoi romanzi si possono definire techno-thriller e sono una perfetta fusione di azione, tecnologia avanzata e scienza. Le numerose trasposizioni in film sono una prova dell’interesse che suscitarono; ricordiamo Andromeda, Jurassic Park e, al di fuori del genere, Rivelazioni.


Qualche commento dei lettori trovato in rete:
Quando morì Michael Crichton mi ricordo che lessi un articolo in internet di Tullio Avoledo che diceva queste parole: "Puoi leggere un quintale di libri di Clive Cussler o di Robert Ludlum, per dire, e, pur divertendoti da matti, non ne sarai arricchito di un solo grammo, in termini di conoscenza del mondo. Ma se leggi un libro di Crichton ne esci ogni volta più ricco. Non necessariamente più intelligente (i libri non fanno miracoli), ma più preparato a capire il mondo di incredibili mutamenti in cui viviamo e quello ancora più incredibile in cui potremmo trovarci a vivere domani". Cosa aggiungere in più a queste parole? Provare per credere!

Sfera ci starebbe bene pubblicato su Urania: il relitto di un'astronave ritrovato nelle profondità marine, il viaggio nel tempo, un manufatto alieno, computer senzienti, specie animali sconosciute, i poteri della mente. Sfera è sicuramente il meno realistico dei romanzi di Crichton, ma, o forse proprio per questo, è quello che ho amato di più. Sfera è un horror pure, tanto per cambiare, e un omaggio a Ventimila leghe sotto i mari. Sfera dovrebbe essere portato sullo schermo come si deve, per farci dimenticare quella cosa atroce con Sharon Stone. E sfera andrebbe consigliato a tutti quelli che Crichton non lo conoscono o non lo vogliono conoscere per un qualche preconcetto nato sicuramente per i motivi sbagliati.

Letto purtroppo solo dopo aver visto il film (cmq carino), si capisce che col film stesso potevano fare molto meglio. Il libro narra la storia della misteriosa apparizione di un oggetto nell'Oceano Pacifico, un'apparizione che, mano mano che si sviluppa la storia sembra non avere un senso logico... quando poi qualcosa si comincia ad intuire, un altro ritrovamento spiazza l'esiguo equipaggio mandato per indagare... e da lì parte una sfida, una sfida improponibile per gli uomini coinvolti, in un continuo crescendo di tensione e colpi di scena fino ad un finale veramente geniale! Assolutamente da non perdere!!!

Il libro prende forse più del film. Dovendo fare a meno degli effetti speciali, la storia fa colpo soprattutto per le sottigliezze psicologiche che il protagonista, Norman, coglie. Inoltre, si potrebbe quasi dire che possiede una sfumatura più filosofica e, per quanto a grosse linee la trama sia la stessa, anche chi ha visto il film non può annoiarsi.

Una garanzia come tutti i libri di Crichton. Malgrado sia fantascienza, un genere che a me normalmente non entusiasma, l'ho letto tutto d'un fiato, il signor Michael è uno che dimostra sempre di sapere il fatto suo. Bello!

Mi è piaciuto perchè aggiunge qualcosa di nuovo al tema del contatto con gli extratterrestri. Questa volta i riflettori non sono puntati su di "loro" (gli alieni), ma su di "noi": Chi è il più indicato per affrontare l'ignoto? Qual è la forma di sapere umano che ci predispone meglio ad affrontare un'entità sconosciuta? Conta di più la forza bellica o la conoscenza scientifica? Offre più risposte la Zoologia o l'Astrofisica? Risolve più enigmi la Logica o la Psicologia? O forse è più sicuro distruggere tutto con un bel carico di esplosivi? Questi temi già intriganti di per sè sono supportati bene da un ritmo incalzante e personaggi ben delineati. Il finale è appagante.

Avvincente storia sottomarina, per l'epoca abbastanza originale, claustrofobica al punto giusto. Il ritmo è incalzante e Crichton ci mette la solita capacità di piazzarsi a metà tra il thriller e la fantascienza. Come sempre succede, molto meglio il libro del film con D. Hoffman.

E' la prima volta che leggo un libro di Michael Crichton; dopo un breve inizio un po' lento, il libro decolla vertiginosamente, anche grazie ad un tranello dell'autore, e resta sull'apice della tensione. Non c'è modo di staccarsi dalle pagine, l'una tira l'altra in un ascendere di tensione, suspense, giallo per arrivare ad un finale a sorpresa.

Uno dei romanzi di Crichton piu' incoerenti nella storia.

Nessun commento:

Posta un commento