Comunicazione di servizio: il blog non è più attivo e aggiornato dal 28 marzo 2012

L'angolo dedicato ai libri del blog "Dentro al Replay"

martedì 16 gennaio 2007

lo gnomo del divano

Anche questo racconto, come quello del tonno con il buco nella pancia, è nato per caso; lo spunto è venuto osservando mio figlio Giovanni che guardava la tv sul divano, la trama è stata poi sviluppata sempre con la sua consulenza...



Panasonic DMC-FZ30 - 1/320 - F2.8 - ISO80 - macro


C'era una volta una bambina...

...anzi, "c'era oggi una bambina" che viveva in una casa normale (che non era come quelle delle favole, quindi non era fatta né di marzapane, né con i rami del boschetto o di paglia e fieno, ma costruita con mattoni e cemento armato, bella robusta,
mica come nelle fiabe!) e, come tutti i bambini, aveva un papà e una mamma che le volevano bene (niente matrigne cattive o orchi che la costringessero a vivere con loro e a lavorare dalla mattina alla sera, mica come nelle fiabe!) e aveva anche un fratellino affettuoso con il quale si divertita moltissimo a giocare un po' con le bambole e un po' con le costruzioni, con i soldatini e con le macchinine.
Insomma, era una bambina normalissima, che ascoltava con attenzione e passione le favolette che gli leggeva il suo papà alla sera prima di addormentarsi, ma che credeva che queste storie non potessero mai realizzarsi nella realtà altrimenti,
pensava lei, "non sarebbero favole, no?"
Il suo nome era Camilla, aveva 10 anni e adorava andare in bicicletta, mangiare i gelati e guardare i cartoni alla tv.
E proprio quest'ultima passione, guardare i cartoni, era tra tutte quella che preferiva di più: quando il suo fratellino dormiva e quindi non c'era nessuno per giocare, si sdraiava sul suo divano preferito davanti alla tv e
tutto intorno non esisteva più niente, poteva cascare il mondo che lei non si sarebbe smossa da lì.

Quanto adorava quel divano!
Era un divano antico, rivestito in pelle di un bel colore rosso scuro, come non se ne facevano più, cimelio ereditato dai nonni che forse lo avevano a loro volta ereditato dai loro genitori e chissà che prima non fosse forse appartenuto a una nobile famiglia, tanto era bello, elegante e finemente lavorato.
Quando Camilla si sdraiava su quei cuscini morbidi si sentiva sprofondare in un caldo abbraccio che la cullava e la faceva viaggiare con la fantasia verso mondi lontani.
Era insomma diventato un amico fidato per lei, e godersi i cartoni in tv gustando un bel bicchiere
tiepido di latte al cioccolato era il momento più bello della giornata.
Su quel divano rosso Camilla svolgeva anche tante altre attività: ci giocava col fratellino, ci si appoggiava per fare la merenda con un bel panino con la Nutella, ci si sedeva a gambe incrociate per studiare storia e letteratura, ci si riposava e a volte ci si addormentava pure, insomma... ogni sua attività che facesse in casa, ruotava sempre intorno a quel divano sistemato nel bel mezzo del soggiorno.

Capitò che un giorno che faceva brutto tempo, ma brutto davvero con pioggia fitta e vento forte, uno di quei giorni in cui non vorresti mettere il naso fuori di casa neanche per tutto l'oro del mondo, Camilla finì presto tutti i compiti assegnati a scuola e, stranamente per lei, non le andò di passare il tempo libero a guardare i cartoni, ma preferì dedicarsi alla lettura di un vecchio libro che aveva ritrovato in soffitta in fondo ad un baule contenente vecchi oggetti del nonno: un libro con tante storie di fate, cavalieri, castelli, elfi, folletti, gnomi, draghi e orchi, il tutto impreziosito da bellissime illustrazioni.
Si sdraiò quindi sul suo divano preferito con la testa posata sul bracciolo e il libro sul petto, e iniziò a leggere la storia appassionandosi sempre più allo svolgimento della vicenda narrata e sprofondando mentalmente in quel mondo di fiaba popolato da tanti strani personaggi.
"Sono veramente strani i personaggi delle fiabe" pensò Camilla mentre continuava a leggere "ma sarebbe bello se esistessero anche nella realtà...".
Ma
le favole sono solo favole, lei sapeva bene che queste storie non avrebbero potuto mai realizzarsi nella realtà "altrimenti" pensava sempre lei "non sarebbero state favole, no?"
Leggeva e veniva coinvolta sempre di più dalla narrazione, tanto che la sua attenzione fu catturata in modo particolare da un curioso personaggio protagonista della storia: un povero gnomo deforme costretto a vivere, per colpa di un incantesimo di una fata cattiva, in un buco all'interno di una quercia secolare e che sopravviveva in quel buio e scomodo spazio grazie ad una bimba buona che gli portava quotidianamente da mangiare e da bere.
Questa bimba buona,
nel tempo libero, gli stava vicino per tenergli compagnia, gli parlava del mondo fuori dall'albero e gli raccontava favole e storielle per farlo stare un po' allegro e fargli pesare un po' meno la sua condizione di recluso all'interno dell'albero.

Camilla si fermò un istante, tolse gli occhi dal libro e pensò tra sé e sé che ciò che stava leggendo era veramente fantastico ma al tempo stesso assurdo; "è proprio vero" mormorò "che certe cose accadono solo nelle favole!"

Però la storia l'aveva affascinata e riprese, con profonda curiosità, a leggere le vicende di quella strana coppia di amici, provando un profondo senso di ammirazione nei confronti di quella bimba così buona, generosa e altruista; dentro di sé sentì il desiderio di somigliarle almeno un po'...
Presa dalla lettura non notò che il suo piede destro era sprofondato nella fessura tra la seduta e lo schienale: quella fessura che hanno tutti i divani e dove puntualmente finiscono per incastrarsi il telecomando della tv, i mattoncini delle costruzioni, i tappi dei pennarelli e sono rifugio naturale delle briciole dei panini e dei biscotti sgranocchiati guardando la televisione.
Camilla non sentì niente di strano nemmeno quando oltre al piede si infilò lentamente nella fessura anche la gamba fino al ginocchio e poi, piano piano piano, venne risucchiata fino alla coscia...
Sembrava assurdo, ma presa dalla lettura la bambina non sentì niente nemmeno quando fu il piede sinistro che iniziò a scivolare sempre in quella fessura tra i cuscini... poi il polpaccio, quindi il ginocchio, infine la coscia... in men che non si dica il divano l'aveva risucchiata al suo interno fino alla vita, e a quel punto qualcosa di strano Camilla iniziò a notarlo... a cominciare da una fastidiosa sensazione di fresco alle gambe...

Quando si rese conto di cosa le stava accadendo fu troppo tardi: con un ultimo violento risucchio, il divano se la inghiottì, e la bimba sparì così in fretta da non riuscire nemmeno a lanciare un grido di aiuto, lasciando sul cuscino il libro ancora aperto sull'ultima pagina letta.....
Lo spostamento d'aria provocato dal risucchio fece spaginare il libro fino a farlo rimanere aperto qualche pagina più avanti, dove si notava un'illustrazione che Camilla non aveva ancora visto: nel disegno erano raffigurati lo gnomo e la bambina, entrambi stretti prigionieri all'interno della quercia.



Faceva buio in quel posto, ma che posto era?
Ma era tutto vero?
Era davvero stata risucchiata dal divano?

No no... Camilla pensò che tutto ciò era assurdo, probabilmente stava sognando, era impossibile che si trovasse imprigionata all'interno del suo divano preferito!
Aveva la sensazione di trovarsi in una grotta fresca, umida, buia, e stava già iniziando a sentire i brividi di freddo quando vide, in lontananza, una debole luce tremolante.
Aveva una gran paura, ma cercava di rimanere comunque lucida e di riordinare le idee per trovare il modo di uscire da quella brutta situazione, mentre quella luce tremolante si faceva sempre meno debole e
sempre più terribilmente vicina.
Camilla scoprì che quel bagliore proveniva dalla fiamma di una torcia portata da un esserino molto piccolo, che non riusciva a distinguere bene ma che aveva un'aria
stranamente familiare...

Ma no, era impossibile!!
Non poteva credere a ciò che i suoi occhi vedevano:
lì, fermo in piedi davanti a lei, c'era ora uno gnomo simile a quello della storia che stava leggendo qualche momento prima, che la fissava con il suo unico occhio buono, stupito lui quanto lei di vedere un altro essere in carne ed ossa all'interno di quella grotta.
Camilla trovò il coraggio di dire alcune parole, seppur con tono tremolante:
"C-c-chi sei tu?" disse con un filo di voce.
Quell'essere arcigno e deforme le rispose con una voce da brivido, mettendole addosso ancora più paura di quanta non ne avesse già:
"Se qua c'è QUALCUNO che può fare domande, quello sono IOOO! Piuttosto, dimmi, chi sei TUUU?"
La bimba, intimorita dal tono della voce e dalle orribili sembianze di quell'essere
che ora aveva ripreso, a piccoli passi, ad avvicinarsi a lei, replicò alla richiesta dello gnomo:
"M-m-mi chiamo Camilla, e fino a pochi minuti fa ero sdraiata sul m-m-mio divano, poi all'improvviso mi sono sentita risucchiare e m-m-mi sono ritrovata in questo posto buio e freddo, e... ho tanta p-p-paura....." e rapidamente portò le manine sul viso per cercare di nascondere ai suoi occhi quella visione terribile.
Lo gnomo fece una strana espressione con la faccia, un misto di stupore e curiosità, e avvicinando la torcia al viso della bambina, si allungò sulla punta dei suoi tozzi piedi per guardarla bene da vicino.
La scrutò e la fiutò, la esaminò per benino, servendosi sempre della luce della torcia, ma Camilla era sempre più spaventata; per tranquillizzarla lo gnomo addolcì l'espressione del viso e le mormorò con voce calma e dal tono finalmente amichevole:
"Seguimi, bambina, ora ti porto in un posto un po' più accogliente..."
E così, percorrendo un breve corridoio buio, giunsero all'antro ove egli dimorava, si sedettero davanti ad un tiepido focherello ed iniziarono a parlare.
E parlarono, e parlarono, e parlarono...


Ora Camilla non aveva più paura di quell'essere deforme, che anzi si era rivelato molto gentile ed ospitale; lo gnomo le aveva anche offerto una ciotola di tè caldo e le aveva raccontato la sua storia.
Egli viveva in quella grotta ormai da tanti anni che ne aveva perso il conto; tutta
colpa di un incantesimo di una fata cattiva che lo aveva costretto a vivere, fino alla fine dei suoi giorni, all'interno di quell'antico divano.
Il poveretto era ridotto a nutrirsi solo delle briciole che si infilavano nella fessura tra i cuscini della seduta e dello schienale, proprio quella che aveva risucchiato Camilla, ed aveva organizzato la sua dimora
costruendo i mobili e gli oggetti utili per la vita quotidiana, raccogliendo quei pochi oggetti che da quella fessura si erano infilati e persi nel corso di tanti tanti anni.
Camilla, guardandosi un po' intorno nella stanza, vide illuminati dalla fioca luce del focolare tanti minuscoli
oggettini: matite, penne, tappi di plastica dei pennarelli, chiavi, tante monetine, piccoli giocattoli, sorprese degli ovetti di cioccolato, stuzzicadenti, cucchiaini, fiammiferi e accendini, mattoncini delle costruzioni, soldatini di plastica, pupazzetti di gomma, macchinine...
Tra queste ultime riconobbe l'automobilina rossa di metallo che il suo fratellino cercava da tanti giorni e che in famiglia davano ormai per irrimediabilmente persa.
Non poté resistere alla tentazione di afferrarla: fece un balzo dalla minuscola sedia dove si era accomodata e prese la macchinina in mano, felice di averla ritrovata dopo aver tanto cercato in giro per casa.
"Chissà quanto sarà felice il mio fratellino quando la rivedrà!!" esclamò contenta rivolgendosi al suo amico.
Lo gnomo cambiò espressione di colpo, si fece serio e triste, con il capo chino che dondolava sconsolato.
"Scusa tanto, ho detto qualcosa che ti ha ferito?" chiese Camilla dispiaciuta.
"No, cara bambina, non hai detto niente di male, è solo che... vedi, tu puoi uscire da questa grotta e ritornare dai tuoi genitori e dal tuo fratellino, alla tua vita allegra e spensierata là fuori... puoi tornare a vedere il sole, la natura... le stelle! Io invece..... io sarò costretto a rimanere dentro questo divano fatato, ancora per anni e anni... da solo, senza nessuno col quale scambiare due chiacchiere... sperando di trovare quelle poche bricioline di pane che mi permettano di tirare avanti, così come ho ormai
vissuto da tanti e tanti anni......."
Il povero gnomo tratteneva a stento le lacrime, e anche Camilla sentiva un pizzicore al naso e una lacrimuccia si fece strada sulle sue gote paffute.

Rimasero lì in silenzio alcuni istanti, immobili e con lo sguardo basso.
Poi Camilla si fece coraggio e ruppe il silenzio:
"Non piangere più, ti prego! Se sei d'accordo, rimarrò
in questa grotta con te a farti compagnia. Finché tu lo vorrai!"
Lo gnomo, stupito per le parole della bambina, alzò gli occhi e la fissò mentre sul suo viso, lentamente, un sorriso rubava il posto all'espressione triste.
"Queste parole dimostrano che sei molto generosa e buona, davvero lo faresti per me?"
"Lo farei! Eccome!!" esclamò Camilla con aria solenne!
Allora lo gnomo, prendendo le mani della bambina tra le sue, la guardò amorevolmente e le disse:
"Cara piccola Camilla, sei una bimba molto brava e ti ringrazio per il gesto di amicizia nei miei confronti, ma non voglio trattenerti troppo a lungo lontana da chi ti vuole bene. Ti farò ritornare nel mondo di sopra, nel TUO mondo. In cambio voglio solo che tu esaudisca un mio piccolo desiderio......" e le bisbigliò in un orecchio quale fosse la sua richiesta.

Stettero ancora un po' insieme, a gustarsi un'altra tazza di tè e a parlare, a parlare, a parlare... finché la stanchezza non prese il sopravvento e la piccola Camilla si addormentò lì sulla sedia.



"Camilla, sveglia! E' quasi ora di cena, vai in bagno a lavare la mani!"

La voce della mamma la svegliò, si alzò di scatto, si sedette sul divano e si guardò intorno, stralunata.
Dov'era? Non era più in quella grotta, non c'era più lo gnomo, ma... cos'era mai successo?
Si sentiva frastornata, cercava di ricordare quello che aveva vissuto poco prima...
Il libro che stava leggendo, il divano che l'aveva risucchiata, il buio, il suo amico gnomo, la grotta, la chiacchierata gustando il tè, la macchinina del fratellino... tutto sparito!

Arrivò alla conclusione che si era trattato solamente di un sogno, un fantastico stranissimo sogno.
"Già, dopotutto queste cose succedono solo nelle favole, altrimenti non sarebbero favole..." pensò mentre si alzava dal divano per raggiungere il bagno e lavarsi le mani per la cena.
Ma un rumore secco attirò la sua attenzione: si girò di scatto e vide che dal divano era caduto qualcosa...
Raccolse quell'oggetto, lo osservò per bene, ma...
ancora una volta non poteva credere ai suoi occhi!!
Le spuntò una lacrimuccia: le sue mani stringevano
l'automobilina rossa di metallo che aveva perso il suo fratellino!
Ma allora questo voleva dire... che il suo amico gnomo esisteva davvero, non era un sogno quello che aveva vissuto!!
Felice come non mai
si avvicinò alla fessura del divano e scrutò al suo interno nella speranza di vedere qualcosa o qualcuno, ma vide solo un buio pesto.
Però avvicinando l'orecchio sentì, seppur debolmente, qualcuno che fischiettava spensierato, forse per la prima volta nella sua vita!


Da quel giorno tante cose cambiarono nella vita di Camilla e anche in quella dello gnomo del divano.
Anche la mamma notò la bambina cambiata: quando stava sul divano non guardava quasi mai la televisione, ma leggeva ad alta voce storie fantastiche, libri di narrativa, riviste di attualità... e naturalmente lo gnomo, dall'altra parte del cuscino, stava in ascolto!
E poi faceva merenda due volte al giorno, e non con le solite merendine dolci che piacciono tanto ai bambini, ma chiedeva un po' di tutto: frutta, pane e prosciutto, ciambelle, pizza, verdure crude... tanto che la mamma si chiedeva dove mettesse tutta quella roba senza ingrassare!
Ma Camilla lo sapeva dove finiva gran parte di quel cibo: nella fessura del divano, era tutta per il suo amico gnomo, al quale non faceva mancare nemmeno quegli oggetti di uso quotidiano che lui stesso le richiedeva.
Era questo il desiderio che lo gnomo del divano le aveva sussurrato nell'orecchio prima di salutarsi: rimanere sempre amici e aiutarlo a vivere il mondo esterno anche senza poterlo vedere.

E poi... chi l'ha mai detto che certe cose possano accadere solo nelle favole?

Nessun commento:

Posta un commento